ARTICOLI

5 cose da sapere prima di comprare una birra artigianale

Birre artigianali

5 cose da sapere prima di comprare una birra artigianale

14 gen, 2021

Prima di tutto, facciamo chiarezza sulla definizione birra artigianale 

Avrai sentito molte volte utilizzare questo termine e vogliamo subito dirti che: 

  • Per definire una birra artigianale, i criteri di quest’ultima devono corrispondere alla definizione legislativa in materia
  • Difficilmente troverai una birra artigianale uguale ad un’altra
  • Birra artigianale non significa per forza “difficile da bere”
  • Le birre artigianali sono caratterizzate da proprietà uniche nel loro genere: berne una, potrebbe farti cambiare per sempre idea sulle birre industriali
  • Acquistare una birra artigianale vuol dire sostenere il territorio e dare valore ai prodotti italiani. Ci avevi mai pensato?

Ma andiamo ad approfondire.

quali sono i criteri e le caratteristiche per definire una birra artigianale?

La denominazione di birra artigianale è divenuta effettiva, quando nel 2016 è stata creata una definizione legislativa in materia: 

“Si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e di microfiltrazione. Ai fini del presente comma si intende per piccolo birrificio indipendente un birrificio che sia legalmente ed economicamente indipendente da qualsiasi altro birrificio, che utilizzi impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro birrificio, che non operi sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale altrui e la cui produzione annua non superi 200.000 ettolitri, includendo in questo quantitativo le quantità di birra prodotte per conto di terzi.”

Come puoi comprendere dalla definizione legislativa, i principali criteri per concepire una birra artigianale possono essere riassumibili così: 

  • Non deve essere pastorizzata o microfiltrata
  • Il birrificio dalla quale è prodotta non deve eccedere nella produzione di 200.000 hl annui

Perchè le birre artigianali sono diverse tra loro?

Come si può immaginare, una birra prodotta in un birrificio artigianale risulterà diversa da un’altra birra prodotta in un altro birrificio artigianale anche si tratta dello stesso stile, esattamente come una pizza margherita avrà un sapore diverso se preparata da due differenti pizzerie. 

E fin qua tutto chiaro.

Poi entrano in gioco fattori come i gusti del mercato, la territorialità, la creatività del birraio ecc ecc. 

Ma arriviamo al vero dunque: gli ingredienti.

Di qualunque preparazione culinaria, brassicola, vitivinicola, si parli, gli ingredienti determinano gran parte del risultato finale. 

Utilizzare ingredienti di qualità è la principale distinzione tra un birra artigianale e una birra industriale. Utilizzare ingredienti diversi per fare la stessa ricetta è invece il motivo per cui birre artigianali dello stesso stile hanno risultati diversi. Ma non solo. 

Anche nel mondo della birra occorre ricordare che gli ingredienti hanno una stagionalità: ad esempio il luppolo fresco rilascia delle note diverse da quelle dello stesso luppolo in formato secco. 

È come cucinare tre piatti di pasta al pomodoro utilizzando: in uno pomodoro fresco appena raccolto in una giornata di agosto, nel secondo un sugo preparato con pelati in scatola e nel terzo due cucchiaiate di salsa senza neanche il soffritto. Stessa materia prima, risultati completamente diversi. 

Le birre artigianali sono difficili da bere? 

Birra artigianale non è per forza sinonimo di complessità. Certo, se paragonate ad una birra industriale, potrà sembrare più intensa e aromatica, ma questo ne determina una bevuta più difficile?

Dipende naturalmente da quanto una persona ha voglia di provare. Quante volte ti è capitato di assaggiare qualcosa e di apprezzarlo anche se diverso dai tuoi soliti gusti?

Il processo di produzione artigianale e industriale di una birra è il medesimo (a parte per la pastorizzazione, microfiltrazione e quantitativo annuo prodotto), solo che nelle birre industriali avrai sempre un gusto più piatto e standardizzato, mentre nelle artigianali l’impressione principale è un’esplosione più o meno accentuata di profumi e sapori, perlopiù assenti nelle industriali. 

"quel boccale che mi fece cambiare per sempre idea..."

Vogliamo condividere con te un aneddoto di qualche tempo fa, in cui abbiamo potuto constatare che anche i veterani delle industriali possono scoprire le gioie delle artigianali. 

Un sera, al Pub arrivò un signore che poi sarebbe diventato un nostro cliente affezionato. Aveva l’aria di diffidente quando ci raggiunse al bancone del Pub. 

Gli chiesi che birra preferisse e lui mi rispose che era particolarmente legato ad una famosa birra industriale dal tipico logo rosso e blu e caratterizzata dall’alta gradazione alcolica. 

La mia esperienza insegna che “provare per credere” sia l’unico modo per accompagnare qualcuno a conoscere nuovi gusti in fatto di birra. E così feci quella sera. 

Gli risposi quindi con un bel boccale della nostra Hellesbock (alc. 7,5%) senza troppe descrizioni. Inutile dire che da quella sera divenne nostro appassionato cliente. 

Ora, quando varca l’ingresso del Pub, c’è sempre un sorriso soddisfatto sul suo volto, contento di aver incontrato dei nuovi sapori in questo variegato mondo brassicolo.

Se vedi un simpatico signore tracannare Hellesbock al nostro bancone, fatti la raccontare la storia direttamente da lui. Ti divertirai.

Perché quindi acquistare una birra artigianale?

Devi sapere che dietro ad ogni birrificio artigianale ci sono persone, birrai e Publican, che fanno parte del territorio in cui operano e ne vengono quotidianamente ispirati.

Acquistare birra artigianale significa anche scegliere di valorizzare il lavoro di queste persone.

E poi, nel caso in cui tu rimanga particolarmente affascinato da una di queste figure, facendo crescere così il legame con il birrificio e il suo ecosistema, chissà che non possa nascere l’occasione, un giorno, di suggerire un nuovo gusto, ideato da te. 

Continua a seguirci per altre curiosità e approfondimenti.

Se invece hai voglia di scoprire le nostre birre: 


VISITA IL NOSTRO SHOP

Scritto da

Loris Mattia Landi - Birraio di EDIT Torino
Loris Mattia Landi - Birraio di EDIT Torino

Birraio di EDIT dal 2017, bevitore, bulldog & rugby lover. Ho imparato a schioccare le dita a 27 anni. Non è mai troppo tardi per imparare qualcosa di nuovo. A me la birra proprio non piaceva, giuro. Poi ho scoperto La Birra in un viaggio a Praga del 2006, ho capito che l’appiattimento dei gusti dell’industria mi aveva impedito di guardare oltre l’orizzonte birraio. Gli anni successivi sono stati solo una lenta fermentazione con contaminazioni americane, belga e inglesi. Gli anni futuri saranno un'ulteriore lenta maturazione, con la volontà di rendere popolare la birra buona.

Vai alla scheda dell'autore

Iscriviti alla newsletter

Lascia i tuoi dati per ricevere aggiornamenti da EDIT