ARTICOLI

Quante tipologie di birra esistono? Scopriamo le prime 5

Tipologie di birra

Quante tipologie di birra esistono? Scopriamo le prime 5

1 dic, 2020

Una domanda molto impegnativa questa, che dà sicuramente da pensare a chi si intende di birra. Si sa che gli stili e le tipologie di birra sono davvero tantissimi. 

Possiamo dire che, tra stili e sottostili, ce ne sono almeno 150. 

Ognuna di queste birre ha la sua peculiarità, dai sentori ai sapori.

Ma andiamo a conoscerle, abbiamo scelto 5 tipologie iconiche di cui raccontare storia e caratteristiche. Scopriamo la loro intensità, la loro storia, da dove provengono e lasciamoci portare dall’amore di questa tradizione che inizia da lontano, da molto lontano. 

Le 5 tipologie di Birre dai caratteri diversi

E che conquisteranno il tuo palato

Ognuna di loro ha la sua storia, il suo perché, la sua provenienza. 

Pils 

Uno stile che ha fatto storia

Questo stile di birra è una bionda chiara a bassa gradazione alcolica. Parliamo di cinque gradi massimo, caratterizzata da note di cereale e miele, dal finale secco e mediamente amaro.

Fu un birraio Bavarese, dall’aspetto un po’ burbero, ma dalla mente geniale e creativa, che nel 1842, dopo essersi trasferito in Repubblica Ceca, decise di dare alla luce della sua fantasia lo stile di birra Pils. 

Nel giro di 80 anni le Pils hanno conquistato il mercato della birra dal Primo Dopoguerra. Nonostante il carattere un po’ amaro delle Pils, sono comunque riuscite a diventare famose e molto ricercate nel settore. 

Dunkel bock

Del colore ambrato e del dolce ha fatto la sua autenticità

Queste birre le riconosci subito, il loro colore ambrato le contraddistingue e le rende uniche. Bere una Bock vuol dire perdersi nella sua dolcezza, quasi tendente al caramello, bilanciata dalla presenza del cereale, ma significa anche lasciarsi un po’ andare data la gradazione alcolica più forte. 

Sono delle birre nate intorno al 1400 nella città tedesca di Einbeck e dal 1600 la sua produzione si estende anche alla Germania del sud, nell’area circostante a Monaco di Baviera. Il loro carattere è molto deciso, erano birre spesso associate alle festività religione, che continuano ad essere apprezzate per il sapore dolce e per la gradazione alcolica, e una volta assaggiate non le dimentichi. 

helles

Lo stile di birra nato in risposta alle Pils

Lo stile Helles rientra tra le birre chiare, a bassa fermentazione. Il nome Helles definisce già di per sé la tipologia di birra, poiché in tedesco Helles è l’abbreviazione di Hellbier o Helles Bier, che significa “birra chiara”, questo per distinguerla dalla dunkel, che appunto in tedesco invece si riferisce alle birre scure. 

La birra Helles fu creata a Monaco nel 1894 dal birrificio Spaten. In particolare fu Gabriel Seldmayr che la ideò per competere con le birre stile Pilsner (più luppolate ed amare)

Le riconosci subito per la loro limpidezza, per schiuma pannosa e per il profumo dominato dal cereale. 

Queste tipologie di birre hanno un carattere molto meno amaro rispetto alle Pils e sono anche leggermente meno alcoliche, il che le rende particolarmente (e pericolosamente) beverine.

Oggi le Helles sono lo stile di birra più consumato nella Germania meridionale

tripel

Conosciuta per la sua gradazione alcolica più forte

Sono birre chiare con sentori di spezie, frutta secca come ad esempio le mandorle o frutta sotto spirito, caratterizzate da una corposità medio alta e da un calore alcolico che le rende uniche. 

Impossibile dimenticarsi delle Tripel una volta assaggiate. Anche queste rappresentano una valida risposta belga alle note Pils. Queste birre hanno un forte legame con la tradizione monastica. 

Si narra infatti che questo stile di birra venne prodotta per la prima volta presso l’abbazia trappista di Westmalle, nel 1934. Era una birra chiara abbastanza forte. 

Nel 1956 la ricetta fu modificata e prese il nome di Tripel. La scelta del nome della birra non fu fatta a caso, ma stava a indicare la gradazione più alta tra le birre trappiste prodotte, ovvero enkel, dubbel e appunto Tripel.

Le Tripel hanno una doppia anima: nonostante il loro legame con il mondo religioso, sono birre piuttosto alcoliche, che inducono invece al peccato.

SAISON

La birra dell'estate

La birra Saison è uno stile ad alta fermentazione, molto carbonato e perfetto per la stagione più calda, grazie proprio al loro gusto secco e alla bassa gradazione. Il nome “Saison” viene dalla lingua francese e significa “stagione”, perché proprio alle stagioni, in passato, era legata la sua produzione. 

Le Saison sono fortemente legate al mondo agricolo, poiché erano le birre che i contadini si preparavano a livello domestico per poi essere consumate in campo durante la raccolta del grano a giugno /luglio e servivano a dissetare e a nutrire il lavoratore. La fermentazione avveniva in autunno o in inverno, mentre la mescita in estate e da qui in poi si è diffusa la tradizione di consumarle prettamente in estate. 

Una serata estiva in loro compagnia, tira sempre un sorso dopo l’altro. Le riconosci dal colore dorato e opalescente, fino ad arrivare all’ambrato. Al naso le riconosci per le loro spiccate sensazioni speziate che ricordano ad esempio il pepe bianco, mentre hanno una bevuta secca e allo stesso tempo dissetante. 

Queste birre sono originarie della Vallonia e sono ancora oggi uno tra gli stili più rappresentativi del Belgio. 

 

Se questa è la tua prima volta nel mondo delle birre e ti interessa continuare a soddisfare la tua curiosità in materia, ti invitiamo ad unirti al nostro club di appassionati di birre e a leggere i futuri articoli in cui ti faremo conoscere altre 5 tipologie di birre, dai sentori e dai sapori davvero unici. 

Se poi, oltre a informarti, vuoi venire a condividere con noi una serata in allegria, dove puoi bere un buon bicchiere di birra, ti aspettiamo al Bancone di EDIT. 

Attenzione, amore e tradizione sono le parole chiave che da sempre guidano le nostre idee e la nostra produzione di birre artigianali.

Parola di birraio!

Continua a seguirci per altre curiosità e approfondimenti.

Se invece hai voglia di scoprire le nostre birre: 

VISITA IL NOSTRO SHOP

Scritto da

Marco Cerino in arte Brico - Publican di EDIT Torino
Marco Cerino in arte Brico - Publican di EDIT Torino

Mi sono avvicinato al mondo della birra nel 2013 dopo un’esperienza all’estero. Grazie al diploma in tecniche brassicole conseguito nel 2017 presso l’ITS agro alimentare per il Piemonte di Torino, sono riuscito a trasformare questa mia passione in un lavoro. Sin dal primo giorno di apertura ho percepito il banco spine di EDIT come un luogo dove poter proporre e servire birre di altissimo livello, raccontandole ad ogni cliente come se le raccontassi ad un amico, cioè con passione e semplicità, perché la birra è inclusione e convivialità.

Vai alla scheda dell'autore

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Lascia i tuoi dati per ricevere aggiornamenti da EDIT